Giazza

PS - GPS 45°39'14.62"N 11° 7’30.42"E
gratuito, riservato ai camper, segnalato, sterrato, tranquillo la notte, 400 metri a piedi dal centro storico

PS misto - GPS 45°39'16.4"N 11°07'25.6"E
gratuito, asfaltato, vicino al ristorante Belvedere, di fronte si imbocca a piedi la strada che scende in paese A Selva di Progno (5km a sud di Giazza) si trova un’area attrezzata

AA - GPS 45°36’49.15"N 11° 8’16.60"E
gratuito, no allacciamento elettrico, pianeggiante, area picnic, di là del fiume si trova un parco giochi per bambini
 
Posto alla fine della Val d’Illasi, Giazza (Ljetzan in lingua cimbra) è un paese di montagna, un gruppo di case arrampicate sulla roccia, dove la gente si ritrova nell’unica piazza, davanti alla chiesa. Ai suoi margini si trova il bosco della Foresta di Giazza, popolato da caprioli e camosci che di tanto in tanto si fanno vedere anche in paese. Al termine del bosco inizia la montagna e il Gruppo del Carega.
I turisti che vengono a Giazza sono sportivi, percorrono i sentieri nel bosco e quelli di montagna, a piedi o in mountain bike, fanno ferrate, arrampicata sportiva e alpinismo.
Ma Giazza è anche storia, una storia unica, che si trova solo qui. Questo è rimasto l’ultimo caposaldo di una cultura antica, quella dei Cimbri, coloni di probabile origine tedesca che si insediarono in questi territori fra l’anno 1000 e il 1300 d.C., iniziarono a lavorare le terre e ad allevare bestiame e introdussero una nuova forma di economia, basata sulla produzione di carbone e calce. Giazza è il solo paese dove è sopravvissuta l’antica lingua cimbra e qui è sorto un museo dedicato a questa cultura.
Il Museo Etnografico dei Cimbri, che si trova in piazza, vicino alla chiesa, illustra testimonianze di vita, tradizioni, arte e artigianato di un’antica popolazione, che su queste montagne costruì baite, malghe e interi villaggi di pietra, tipici esempi di architettura spontanea che si possono vedere ancora oggi. Nel museo vengono spiegati questi sistemi di edilizia innovativa e le varie attività lavorative, come la preparazione del carbone nelle “carbonare” e la produzione del ghiaccio nelle “giassare”. (orari museo: www.cimbri.it) Per scoprire i dintorni del paese, gli operatori turistici hanno messo a punto 4 percorsi di facile e media difficoltà, distinti da diversi colori, che partono tutti dal Museo dei Cimbri e si avviano in quattro direzioni, percorrendo il territorio e le sue contrade. Il pieghevole con la spiegazione dei sentieri è disponibile presso i negozi e i bar di Giazza.
Per chi vuole cimentarsi in escursioni più impegnative, c’è la Foresta di Giazza: il sentiero 185 (che è anche sentiero europeo E5) parte dal paese, sale lungo la verdissima Val Fraselle, attraversata dal torrente Fraselle, e arriva ai rifugi Boschetto e Revolto (già parte del Gruppo del Carega). Si percorre in circa 2ore, con 600 metri di dislivello.
Altra spettacolare offerta è data dal Gruppo del Carega e dai suoi rifugi.

Pro Loco: Via Bruno Schweizer 7

Contatti

  • Address: Via Nassar n. 40 - 37026 Settimo di Pescantina (VR) italy

  • Phone: +39.045 6750108

  • Email: info@lavieonroad.it

Orari di apertura

  • Dal martedi al sabato dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 19:00 
    Lunedi il pomeriggio dalle 15:00 alle 19:00
    CHIUSO LA DOMENICA E LUNEDì MATTINA

Seguici su