San Giorgio di Valpolicella (Ingannapoltron)

San Giorgio di Valpolicella (Ingannapoltron)

PS misto -GPS 45°32'05.2"N 10°50’56.6"E PS misto -GPS 45°32'05.2"N 10°50’56.6"E 
lastricato, gratuito, si sale a piedi fino al borgo 
Immerso fra vigneti e ulivi, San Giorgio è un borgo arroccato su uno sperone roccioso, con alcune vecchie case in pietra affacciate su vicoli stretti, impreziosito dagli immensipanorami che vanno dal Lago di Garda alla città di Verona. In particolare, dal piazzaleantistante la chiesa la vista è davvero grandiosa, con i vigneti che scendono lungo ilpendio terrazzato e il lago di Garda sullo sfondo. Il tramonto da qui è magnifico. 
Il gioiello più prezioso di San Giorgio è l'incantevole Pieve Romanica, una delle piùantiche del territorio veronese, edificata nel XII secolo sul luogo dove un tempo sorgevaun tempio pagano (VIII secolo). L'imponente edificio, interamente costruito in pietra, è unesempio straordinario di architettura romanica giunto fino a noi in perfetto stato diconservazione, completo di chiostro e di torre campanaria.
L’interno è suddiviso in tre navate da pilastri e colonne a pianta rettangolare, decoraticon pitture risalenti al XIV secolo, che poggiano su capitelli realizzati utilizzando delleare romane. I preziosi affreschi che decorano le navate risalgono al XI, XIII e XIV secolo, eanche se sono in parte deteriorati, rimangono uno straordinario esempio di pitturamedievale. Straordinario è l’affresco de l”Ultima Cena” nella navata centrale, datato al XIVsecolo. Il ciborio è un altro elemento di spicco della pieve, per il suo valore artistico e perle iscrizioni che vi si leggono incise, grazie alle quali si è riusciti a stabilire con precisioneche fu costruito nel VII secolo. Adiacente alla chiesa si trova il chiostro, risalente al XIIsecolo, con tre lati ben conservati e un pozzo centrale. Gli archi sono suddivisi da pilastrie colonnine, queste ultime con capitelli scolpiti.
La pieve è aperta mediamente dalle 8 alle 17 in inverno e dalle 7 alle 19 in estate, coningresso dalla porta laterale passando dal chiostro. 
Attiguo alla chiesa si trova il Museo della Pieve, con una sezione archeologica dove sono raccolte lapidi romane, sculture longobarde e carolingie e altri reperti rinvenuti neidintorni. Dal museo si apprende anche la storia degli Arusnates, un'antichissima popolazione presente nelle zone dell'odierna Valpolicella già prima dell'arrivo dei Romani. Essi avevano una propria cultura, un'organizzazione politica e amministrativache i nuovi arrivati decisero di conservare, istituendo per loro un pagus -un distrettoterritoriale -, dove furono sostanzialmente autorizzati a portare avanti la loro cultura. Frale attività economiche svolte da queste antiche popolazioni, rientrava sicuramente lalavorazione dei metalli, come dimostrano i ritrovamenti rinvenuti a San Giorgio: unacisterna scavata nella roccia e le fondamenta della bottega dove i metalli erano lavorati, entrambi originari del IV secolo a.C. Il museo apre solitamente nel fine settimana, dagiugno a ottobre. 

Contatti

  • Address: Via Nassar n. 40 - 37026 Settimo di Pescantina (VR) italy

  • Phone: +39.045 6750108

  • Email: info@lavieonroad.it

Orari di apertura

  • Dal martedi al sabato dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 19:00 
    Lunedi il pomeriggio dalle 15:00 alle 19:00
    CHIUSO LA DOMENICA E LUNEDì MATTINA

Seguici su